Antonio Lupi. Bagnarsi ad arte.

Tutto ha avuto inizio verso il 1950, Antonio Lupi aveva 18 anni ed in un piccolo

locale a Fucecchio, iniziava a gettare le basi di un’attività completamente

nuova per il comprensorio industriale del Val d’Arno: la lavorazione della

lastra di cristallo per l’arredamento. Dominava in zona l’industria conciaria

e calzaturiera e non esistevano maestranze qualificate per questo tipo di

lavorazioni, le banche avevano scarsa fiducia in un Azienda di carattere

ancora artigianale e quindi con basso livello produttivo e una rete

commerciale tutta da sviluppare. Antonio Lupi e le sue maestranze, che

ormai si erano formate professionalmente, resistettero ai momenti difficili

con caparbietà. Antonio era convinto che il tempo gli avrebbe dato ragione.

Finalmente gli accessori in cristallo divennero di gran moda e si imposero

sul mercato, Antonio capì subito che stava iniziando un trend positivo e

senza perder tempo orientò immediatamente l’azienda verso la produzione

dei primi specchi artistici, dei lampadari, delle appliques, delle mensole.

La bellezza e la modernità del prodotto, unite ad una  fabbricazione di

alto livello e grande cura dei dettagli, imposero subito la Lupi sul mercato.

Nacque velocemente il bisogno di ampliare la piccola  Azienda. Nel

frattempo  Antonio aveva messo  su  famiglia,  nell’ottobre del 1957 si era

sposato con Mara ed erano nati i primi tre figli, Nello, Andrea e Patrizia:

Sergio il più piccolo, nascerà un po’ d’anni dopo.

Nel 1969 sorse l’attuale  stabilimento, dotato dei macchinari più moderni

e sofisticati per la lavorazione del cristallo, su una superficie di mezzo

ettaro. Fu un passaggio, necessario e rischioso al tempo stesso, da una

dimensione ancora artigianale a quella industriale: non era più sufficiente

partecipare alle Fiere più importanti come quella di Bari, di Milano o di

Parigi, occorreva creare mostre permanenti sia in Italia che all’estero, creare

filiali e agenzie di rappresentanza, assumere personale qualificato, produrre

di più e mantenere al tempo stesso qualità e caratteristiche artigianali del

prodotto. Furono anni importanti, di grandi mutamenti, il prodotto si evolve,

la Lupi copre negli anni ‘70 l’intera accessoristica per il bagno, accappatoi

compresi.

Negli anni  ‘80, i figli entrano in Azienda, c’è una svolta decisa verso il design

e la collaborazione con architetti, artisti e designer prestigiosi, la stanza da

bagno cambia e la Lupi divenuta Antonio Lupi in omaggio al fondatore,

precorre i tempi e propone un nuovo modo di concepire il bagno. Una scelta

vincente che la porterà, prima azienda italiana del settore a partecipare al

Salone Internazionale del Mobile di Milano del 2000 nel padiglione dedicato

al Design. La famiglia si è allargata, sono nati i nipoti, Jonathan, Silvia,

Giorgia, Melissa, Aurora e Flavio.

Nel 2007 ad un anno dalla scomparsa di Antonio e di Mara, è stato rivisitato

il logo aziendale citando la grafica del marchio originario, il 2008 ha visto

l’inaugurazione dello showroom di Milano a cui sono seguiti in rapida

successione Perth, Chicago, Vienna, Miami e Monaco, continuando una

politica fatta di cura ed attenzione dei particolari, di proposte innovative,

della introduzione di nuovi elementi nell’ambiente bagno, di estrema

sartorialità, di ordini evasi con celerità e precisione. Grande attenzione viene

posta anche a seguire l’evoluzione del design, sponsorizzando concorsi e

manifestazioni dedicate ai giovani talenti e producendone i progetti più

interessanti.

I prodotti Antonio Lupi: sistemi, sanitari, lavabi, lavabi con struttura, vasche, box doccia, piatti doccia, rubinetteria, accessori, complementi, specchi. Visita il sito ufficiale per le novità, il catalogo e le Collezioni Antonio Lupi 2012-2013.